News

Jazz on Air 2014 – Chiavari (Ge)

Jazz on Air” la rassegna musicale tematica che intende bissare il successo ottenuto all’esordio del 2013.

Quella che sta per iniziare si presenta come una manifestazione in crescita, con importanti novità, come la partnership mediatica con Rai Radio3 Suite, storicamente attenta alla musica jazz ed ai suoi momenti più rappresentativi.

Alla conferenza stampa, che si terrà martedì 29 luglio, saranno presenti Enrico Rava e di Mattia Cigalini, due tra i personaggi italiani più in vista sulla scena internazionale: se Rava non ha bisogno di presentazioni, Cigalini, già considerato un “enfant prodige”, è ormai un artista consolidato ed in continua ascesa.

Nella conferenza sarà annunciata l’attribuzione della cittadinanza onoraria ad Enrico Rava, un segno tangibile della vicinanza e dell’affetto reciproco tra Chiavari e l’artista.

Direzione Artistica:
Rosario Moreno – Blueart Management
Ufficio Stampa:
Elisa Braccia – Communiquè
Paolo Angelini – Communiquè

Programma

Venerdì 1 agosto
Massimiliano Rolff “Scream!”
Massimiliano Rolff (Contrabbasso)
Fabio Giachino (Pianoforte)
Juan Carlos “Caldero” (Percussioni)
Nicola Angelucci (Batteria)

Venerdì 8 agosto
Mattia Cigalini “Astrea”
Mattia Cigalini (Sassofono)
Gianluca Di Ienno (Pianoforte)
Nicola Angelucci (Batteria)

Venerdì 15 agosto
Enrico Rava New 4et
Enrico Rava (Tromba)
Francesco Diodati (Chitarra)
Gabriele Evangelista (Contrabbasso)
Enrico Morello (Batteria)

Venerdì 22 agosto
Dimitar Liolev Quartet
Dimitar Liolev (Sassofono)
Martin Tashev (Tromba)
Massimiliano Rolff (Contrabbasso)
Dimitar Semov (Batteria)

Venerdì 29 agosto
Joel Holmes Trio
Joel Holmes (Pianoforte)
Stefano Senni (Conrabbasso)
Adam Pache (Batteria)

Inizio concerti ore 21:30 – Ingresso gratuito

Massimiliano Rolff – “Scream!” – Il quarto CD da leader

Scream!” è il quarto album da leader di Massimiliano Rolff, uscito il 7 luglio per l’etichetta Blue Art.
Per l’occasione Rolff ha assemblato un quartetto di eccezionali giovani musicisti: Fabio Giachino al pianoforte, Nicola Angelucci alla batteria e Juan Carlos “Caldero” alle percussioni.
L’album “Scream!”, così come il concerto, porta l’ascoltatore attraverso molteplici paesaggi sonori, urlando la rabbia, la gioia, la liberazione, la paura, la felicità, attraverso un suono che rappresenta per il contrabbassista ligure un lavoro di maturità e di ricerca.
Anche in questa occasione Rolff presenta una line-up coesa e libera di esprimere le creatività individuali, in un percorso compositivo che segna un assoluto punto di arrivo.
Nei 9 brani contenuti dell’abum (7 composizioni originali e due personali riletture di “Bye-ya” e “Someone to Watch Over Me”) Rolff si affranca dal tradizionale idioma jazz che ha così caratterizzato i suoi lavori precedenti.
Le melodie hanno profondi legami con la tradizione europea, e i ritmi traggono ispirazione dalla tradizione latina e nera.
Forme a rondò, ritmi singolari dell’europa dell’est, melodie profonde, contrappunti, ostinati minimali e groove travolgenti sono le componenti principali di “Scream!”.

“Bassista puntuale, dotato di grande sensibilità, in questo disco dimostra di aver raggiunto una notevole maturità anche come compositore e leader.”
Dalle note di copertina di Enrico Rava

Rosario Moreno – Jazz Agent
Phone: +39 0185 36 45 00
Mobile: +39 335 52 57 840
moreno@blueartmanagement.com
Ufficio Stampa: Gianpietro Giachery – gianpietro.giachery@gmail.com

Biografia

Massimiliano Rolff, compositore e contrabbassista, negli ultimi anni ha avvicinato la scena nazionale come leader di diverse formazioni e come side-musician.
Le sue composizioni, il suo suono, lo spiccato senso dello swing, unito ad un atteggiamento sempre creativo ed attento al linguaggio jazzistico lo hanno portato in breve tempo a calcare alcuni dei palcoscenici dei più prestigiosi Jazz Club e Festivals in Europa e Stati Uniti.
Tra le sue collaborazioni si ricordano le formazioni con musicisti straordinari come Steve Grossman, Scott Hamilton, Jesse Davis, Phil Woods, Dave Schnitter, Perico Sambeat, Eliot Zigmund, Peter King, Herb Geller, Rachel Gould, Gilad Atzmon.
Nell’ambito nazionale Rolff si presenta spesso al fianco di amici musicisti come Andrea Pozza, Emanuele Cisi, Enzo Zirilli, Andrea Dulbecco, Marco Tamburini, U.T.Gandhi tra gli altri.
Diplomatosi presso il Jazz Conservatory della città di Groningen nei Paesi Bassi nel 1999 in basso elettrico e didattica musicale, nel 1999 in seguito al conseguimento di una borsa di studio frequenta un
master alla Bass Collective di John Pattitucci a New York.
Nel 2010 consegue la laurea di secondo livello in Jazz presso il Conservatorio “N. Paganini”.
Nel 2003 ha pubblicato, come autore e bassista, con il progetto di electro-jazz il fortunato album “Next Beat”, all’importante successo commerciale e di critica hanno fatto seguito numerose apparizioni su altrettante compilation nei 5 continenti.
Nel 2006 ha pubblicato il suo primo album jazz come contrabbassista, leader e compositore “Unit Five”.
Nel 2009 ha pubblicato l’album “Naked” di cui è autore di tutte le musiche.
Con questi due ultimi album è stato premiato, rispettivamente nel 2006 e nel 2009, come migliore album jazz con il premio “Jazz LightHouse”.
Nel 2012 pubblica il suo terzo album da leader con la formazione Unit Five dal titolo “More Music”.
Decine sono poi le apparizioni come side-musician in produzioni di interesse internazionale, tra le più recenti ricordiamo “Scrub Game” – Marini Rolff – U.T. Gandhi, inserito fra i 100 migliori album del 2013 secondo la Rivista Jazzit.

Cettina Donato dirige l’Orchestra Sinfonica della Provincia di Bari

 

 

 

 

 

Cinque concerti dove lo swing del quartetto jazz incontra la maestosità dell’orchestra sinfonica.

Un dialogo a metà strada fra swing e sinfonia.

Cettina Donato, pianista, compositrice e direttore d’orchestra dirige l’Orchestra Sinfonica della Provincia di Bari che per l’occasione propone un programma musicale con brani di Aretha Franklin, Anita Baker, Duke Ellington, Cettina Donato, Serena Brancale, Toquinho, Antonio Carlos Jobim, James Moody, Henry Mancini.

Nasce così la collaborazione fra l’artista del Jazz Revelation Record del Berklee College of Music di Boston e la prestigiosa Orchestra Sinfonica della Provincia di Bari.

Alle spalle dell’artista siciliana importanti collaborazioni con i grandi nomi del Jazz internazionale, una vita artistica a metà strada fra gli Stati Uniti e l’Italia.

La storia dell’Orchestra Sinfonica della Provincia di Bari nasce nel 1968, riconosciuta dall’allora Ministero dello Spettacolo come “formazione d’interesse nazionale”, e ad oggi è una grande realtà musicale.

Negli anni si sono susseguiti vari e prestigiosi “direttori ospiti” fra i quali Nino Rota, Luciano Berio, Samuel Friedman, Walter Proost, Peter Maag, Kurt Sanderling, Alexander Frey, Reynald Giovaninetti, Boris Brott, Ennio Morricone e Giorgio Gaslini.

Tra i numerosi solisti vanno ricordati Salvatore Accardo, Uto Ughi, Leonid Kogan, Boris Belkin, Emil Gilels, Aldo Ciccolini, Lia De Barberis, Jose Cocarelli.

I concerti si terranno il 24, 25, 26 , 28 e 30 luglio a bari e provincia.

Rosario Moreno – Jazz Agent
Ufficio Stampa: BlueArt Management
Phone: +39 0185 36 45 00
Mobile: +39 335 52 57 840
moreno@blueartmanagement.com

Cettina Donato al Berklee Summer in the City – Luglio 2014

Cettina Donato’s composition fall in the rank of those like Gershwin and Duke Ellington … her compositions are charming and spontaneous … the pianist knows the tradition but she uses it as a new way to describe her own music …
- All About Jazz

Cettina Donato – Pianista e Direttrice d’orchestra

Cettina Donato

Ringraziamo Cettina Donato per aver scelto la BlueArt Management per la sua attività artistica.

Messinese di nascita con una vita artistica a metà strada fra gli Stati Uniti e l’Italia. Cettina è un’artista del Jazz Revelation Record del Berklee College of Music.

Dotata di una notevole versatilità musicale, ha sempre suonato non solo musica Jazz ma anche musica classica e pop.

Nella sua carriera ha studiato e suonato con alcuni tra i didatti-jazzisti più importanti dell’area jazz, tra cui Salvatore Bonafede, Ray Santisi, Laszlo Gardony, Marc Rossi, Joanne Brackeen, Greg Hopkins, Jackson Schultz, Ken Pullig, Dick Lowell, David Santoro, Giovanni Mazzarino, Adam Nussbaum, Hal Galper, Billy Harper, Matthew Nicholl, Ron Savage, Scott Free, Scott DeOgburn, Dario Deidda, Roberto Gatto, Ken Cervenka, Bob Pilkington, Marcello Pellitteri, Marco Panascia, Ron Reid, Orazio Maugeri, Dado Moroni, Bob Mintzer, Garrison Fewell ed altri.

Performer e compositrice, il suo primo album intitolato “Pristine” ha avuto ottime recensioni da parte di alcune tra le più importanti riviste di jazz italiane e straniere, come Jazzit, Musica Jazz, Jazz Magazine, JazzTimes, Keep Swinging, JazzWise, Metronome, A Proposito Di Jazz, Boston Globe, Sound Contest e molte altre.

Al Berklee Clinics at Umbria Jazz Festival 2008, ottiene una borsa di studio che le permette di andare a studiare al Berklee College di Boston (USA).

Si laurea nel dicembre 2011 in Jazz Composition non dopo aver suonato in moltissimi concerti e dopo aver ricevuto diversi premi come performer e compositrice.

Cettina ha suonato come performer, bandleader e direttore di Big Band per diverse organizzazioni musicali e jazz club negli Stati Uniti tra cui Boston, Cambridge, Los Angeles, Fort Lauderdale, New York City, Austin, Brooklyn come ad esempio al Berklee College, Regattabar Jazz Club, Istituto Italiano di Cultura di New York, Berklee Performance Center, Jordan Hall, Kendall Square, Lilypad Jazz Club, Ryles Jazz Club, Outpost 186, Eastern Standard, Boston School of Wine, Elephant Room Jazz Club, Boston Common, Spectacle Island, Somethin’ Jazz Club, Shape Shifter Lab.

E’ stata premiata con il Carla Bley Award come miglior allieva di Jazz Composition del Berklee College of Music.

Cettina Donato è un’artista del Jazz Revelation Record del Berklee College of Music, essendo stata selezionata con il suo quintetto composto da alcuni tra i più talentuosi studenti di Berklee per incidere il nuovo disco del Jazz Revelation Records intitolato “Octave”.

Ha suonato con l’Orchestra Sinfonica del Berklee College e si è esibita alla Jordan Hall di Boston, tra le sale da concerto più importanti al mondo.

E’ la pianista accompagnatrice del prestigioso Boston Ballet di Boston, una tra le compagnie di balletto più importanti del mondo. E’ l’International President del Women In Jazz del South Florida, un’associazione che si occupa di promuovere musiciste e compositrici di tutto il mondo.

Dal 2010 Cettina Donato è la pianista accompagnatrice del Berklee College al Festival di Umbria Jazz per le classi di canto delle cantanti Donna McElroy e Anne Peckham, chair, quest’ultima, del Voice Department del Berklee College.

Ha suonato per diversi jazz festival come Umbria Jazz Festival (2010 – 2011 – 2012 – 2013), SXSW (Austin, Texas), JazzIt Festival, Sounds Of Italy Festival (con il patrocinio del Consolato Italiano di Boston), Messina Sea Jazz Festival, Nettuno Suona Jazz Festival, Piazza Jazz Festival, Non Solo Jazz Festival, Berklee In The City, Berklee Summer, Note D’Estate Festival, Mantova Music Festival, Radio Vaticana, Women In Jazz, Festival Europeo della Musica.

E’ stata ospite di diversi show televisivi e trasmissioni radio in Italia e negli Stati Uniti. Ha arrangiato molti progetti per diverse compagnie americane e italiane.

Il secondo album di Cettina Donato, intitolato “Crescendo”, pubblicato nel 2013 e registrato con un’orchestra jazz e un quartetto di archi, comprende composizioni originali composte ed arrangiate da Cettina; è stato premiato come uno degli album più belli del 2013 dal JazzIt Award 2014.

Scrive di lei il trombettista americano Greg Hopkins: “… I’m always taken in by the delightfully warm and wondrous sounds deftly created by this artful composer. Cettina will enchant and charm your ears.”

Rosario MorenoJazz Agent
Phone: +39 0185 36 45 00
Mobile: +39 335 52 57 840
moreno@blueartmanagement.com

Japanese distribution for the CD “After Dark” …

The cd “After Dark“, release by BlueArt in 2012, recorded with great dutch pianist Joost Swart and the italians Massimiliano Rolff on doublebass and Daviano Rotella on drums, will have a Japanese distribution with DISKUNION.
A good chance to develop a live tour in Japan for the next year …

Il cd “After Dark“, il pubblicato dalla BlueArt nel 2012, registrato con il grande pianista olandese Joost Swart e gli italiani Massimiliano Rolff al contrabbasso e Daviano Rotella alla batteria, sarà distribuito in Giappone con la DISKUNION.
Una buona occasione per sviluppare un live tour in Giappone per il prossimo anno …

Emanuele Cisi – I prossimi appuntamenti …

Le prossime date del sassofonista Emanuele Cisi.

Il suono ricercato e personale di uno tra i musicisti jazz più apprezzati della nuova scena europea.

Giugno
07 – Trezzo d’Adda (It) – Rassegna
08 – Vignola (It) – Jazz in’ It
19 – Copenaghen (Dan) – Montmartre Jazzhus
20 – Copenaghen (Dan) – Montmartre Jazzhus
21 – Vittoria (It) – Vittoria Jazz Festival

Luglio
05 – St.Raphael (Fr) – Festival Jazz à Tourettes con Jean Pierre Como quartet
10 – Nizza (Fr) – Galerie Depardieu – trio con musicisti locali
11 – Monaco (Fr) – La Note Bleue festival
12 – Monaco (Fr) – La Note Bleue festival
13 – Sanremo (It) – Rassegna
17 – Empoli (It) – Empoli Jazz (opzione)
18 – Spessa Po (It) – Spessa in Jazz
19 – Pisa (It) – Rassegna Jazz
23 – Bordeaux (Fr) – Festival Jazz de Bordeaux – Ja (at) Botanic
29 luglio > 03 agosto – Orsara (It) – Seminari Jazz di Orsara – Docente

Agosto
20 > 30 – Nuoro (It) – Seminari Jazz di Nuoro – Docente
23 – Nuoro (It) – Festival Nuoro Jazz

La maturità non è un fatto anagrafico – Jazz a Roma a cura di Maurizio Alvino – Recensione del concerto di Mattia Cigalini

http://jazzaroma.wordpress.com/2014/03/02/la-maturita-non-e-un-fatto-anagrafico/

La maturità non è un fatto anagrafico

Venerdì sera, alla Casa del Jazz, un giovane sassofonista di nome Mattia Cigalini ha fatto sapere a tutta la numerosa platea, semplicemente suonando il suo sax alto, che ci sono ancora giovani musicisti pronti a rottamare i vecchi. Questa asserzione va letta non in senso negativo, ma come pungolo a tutti, giovani e vecchi, a fare sempre di più e meglio.

Siamo in tanti, nonostante la pioggia, e la formazione che abbiamo dinanzi è particolare, senza basso. Oltre a Mattia Cigalini (sax alto), leader della formazione, ci sono Gianluca Di Ienno (pianoforte) e Nicola Angelucci (batteria). Si parte subito alti, con un brano che ricorda da vicino gli Yellow Jackets e che si ispira a culture lontane. Cigalini non ha fretta di esibirsi, non cerca il numero come si conviene ad un musicista di lunga esperienza. Attende con atteggiamento ispirato il momento del guizzo, l’estro creativo.

Ed ecco che il secondo brano, East, strutturato su tempi dispari, offre l’occasione, a lui come ai suoi comprimari, di misurarsi con una struttura più complessa, per quanto basata su un concetto modale. I ritmi diventano più veloci, il sax si avventura su impervie sequenze triadiche, il tutto sempre con grande controllo.

Symbolic è l’ulteriore passo di questa ascesa di cui siamo parte, ascesa dalla terra al cielo o, come usa dire in questi giorni, dalla bruttezza del quotidiano alla bellezza assoluta: ad una intro basata su un pedale di piano, si sovrappongono i mallets di Angelucci a conferire un aspetto tribale. Su tutto questo, Mattia gestisce con apparente semplicità un assolo in crescendo, passando prima da frasi liriche e consonanti per arrivare poi, in un crescendo emozionale, a frasi sempre più repentine a tratti sconfinando nei sovracuti.

In Horus, ad una intro di sax molto up segue poi un interludio pianistico più lento, con la batteria ed il piano stesso ad eseguire puntillismi dando la giusta verve al solista il quale ha così lo spunto per agganciarsi ad un ritmo swingante, con la batteria a scomporre con metro diverso dando così una sensazione di poliritmia.

Il concerto continua a farci ascendere, fino a quando, sul finale, Mattia decide di travolgerci direttamente, con un brano dal marcato accento bebop nel quale il sax esegue uno slap, il piano suona la walkin’ line, la batteria picchia forte e ci ricordiamo tutti all’improvviso dell’epoca d’oro, e mi chiedo: e se fosse nata stasera una nuova epoca d’oro?

Mattia Cigalini “Astrea” – Casa del Jazz – Roma

 

BlueArt Management & Gianpietro Giachery

Gianpietro Giachery vanta una lunga carriera a contatto con la musica, iniziata negli anni ’90 come promotion manager alla Contempo Records e continuata alla BMG Ariola; come marketing manager ha lavorato per Virgin Music Italy, Polygram, Emi Music Italy, Big Fish Entertainment, My Favorite Records e Tuk Music.

Da febbraio 2014 si occuperà dell’ufficio stampa della BlueArt Management, dei suoi artisti e dei loro progetti.

Per ogni ulteriore informazione, foto, comunicati, interviste, rassegna stampa: gianpietro.giachery@gmail.com – press@blueartmanagement.com

BlueArt Management sul palco di Sanremo 2014 insieme a Paolo Nutini

Paolo Nutini

Paolo Nutini, 27anni, talento anticonformista e di incredibile abilità vocale, sarà ospite della serata di venerdì 21 febbraio al Festival di Sanremo.
Nutini presenterà per la prima volta sul palco dell’Ariston il nuovo singolo “Scream (Funk Up My Life)” contenuto nel nuovo album di inediti “Caustic Love” in uscita ad aprile.

Il nuovo album “Caustic Love” esce a distanza di quasi cinque anni dal precedente intitolato “Sunny Side Up”, nel nuovo disco il cantautore scozzese fa come un passo indietro per puntare dritto al cuore con un mix inebriante di soul e di funk. Contiene brani originali scritti da Paolo e in gran parte prodotti da lui stesso e da Dani Castelar. L’album è stato registrato a Valencia, Londra, Glasgow e negli Stati Uniti.

Paolo Nutini è esploso sulla scena musicale mondiale nel 2006 con un album pop, “These Streets”, vendendo 1,5 milioni di copie nel solo Regno Unito. Tre anni più tardi prende una nuova direzione musicale con l’acclamato “Sunny Side Up”. Nominato ai Brits, vincitore di un Ivor Novello Award, Paolo è l’artista maschile che ha venduto di più nel Regno Unito nel 2009 e 2010.

Page 1 of 612345»...Last »